Associazione Istruzione Unita Scuola-Sindacato Autonomo

Via Olona n.19-20123 Milano Info 3466872531

giovedì 30 settembre 2010

Mariastella Gelmini ha disposto un’ispezione al Conservatorio di Milano

Il ministro dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Mariastella Gelmini ha disposto un’ispezione ministeriale presso il Conservatorio di Milano per verificare se siano state pronunciate frasi o messi in atto comportamenti discriminatori nei confronti di ragazzi disabili all'interno della struttura. Se i fatti saranno confermati risulterebbero di estrema gravità e getterebbero un’ombra pesante sulla capacità educativa dell'insegnante.

Per saperne di più, clicca QUI

martedì 28 settembre 2010

UNIVERSITÀ: IL PIANO TRIENNALE PROMUOVE QUALITÀ E RIGORE

Garantire agli studenti un’offerta sostenibile attraverso l’eliminazione
dei corsi di laurea inutili o delle sedi distaccate con basso numero di
iscritti. Più rigore nella valutazione delle Università telematiche,
fusioni tra Università dello stesso territorio. Valorizzazione dei
corsi di laurea richiesti dal mondo del lavoro. Favorire l’ingresso
di studenti stranieri nelle nostre Università e la mobilità
degli studenti italiani verso Atenei di altri Paesi. I requisiti necessari
per l'attivazione annuale dell'offerta formativa degli Atenei riguardano,
fra l’altro, i requisiti di trasparenza e le condizioni necessarie
per una corretta comunicazione rivolta agli studenti; i requisiti per l’assicurazione
della qualità dei processi formativi; i requisiti di strutture e
di docenza di ruolo; le regole dimensionali relative agli studenti sostenibili
per ciascun corso di studio. Questi i principali obiettivi del “Piano
di programmazione triennale 2010/12”, illustrato il 22 settembre scorso
dai Ministri Gelmini e Tremonti, che definisce così obiettivi e
regole per il sistema universitario, in particolare su ricerca, studenti
e internazionalizzazione. Solo le Università che raggiungeranno
tali obiettivi potranno ricevere maggiori finanziamenti dal Ministero attraverso
la quota premiale o attraverso ulteriori fondi triennali messi a disposizione
dal Miur.

Leggi Requisiti necessari” dei corsi di studio e Programmazione triennale Università 2010-2012

giovedì 9 settembre 2010

Accordi di collaborazione internazionale nel settore Afam

Ecco la comunicazione Prot. AOODGAI/ 10598 del Ministero dell’Istruzione, dell’Università
e della Ricerca DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE E LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE,FINANZIARIE E STRUMENTALIDIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI INTERNAZIONALIUfficio VII
Roma, 1 settembre 2010
Oggetto: Accordi di collaborazione internazionale nel settore Afam
Il Ministero, nella sua attività di negoziazione per la stipula di accordi governativi internazionali ha necessità di procedere ad una ricognizione, a livello nazionale, delle collaborazioni attivate dalle istituzioni Afam con le omologhe istituzioni straniere.Pertanto, come negli anni passati, al fine di aggiornare la banca dati sugli accordi internazionali, le SS.LL. dovranno compilare un modulo di rilevazione che sarà disponibile sul sito web del Ministero, dedicato alle istituzioni Afam, (http://afam.miur.it/istituzioni), alla voce "ACCORDI INTERNAZIONALI" dal giorno 20 settembre al giorno 25 ottobre 2010, data di chiusura del sistema.Per accedere ai modelli, si ricorda che è necessario digitare la denominazione in codice e la password, già in possesso delle istituzioni per l'accesso al sito riservato del settore Afam.Le SS.LL., inoltre, avranno la possibilità di visionare gli accordi internazionali già inseriti nella banca dati, relativa all'anno precedente; nel caso in cui le collaborazioni inserite siano rinnovate anche per l'anno in corso, sarà data la possibilità di confermarle, in modo automatico, nel modulo per la rilevazione 2009.Si allega, inoltre, una nota informativa per la compilazione del suddetto questionario relativo agli accordi internazionali attivati nel settore Afam. Per eventuali problemi tecnici e di accesso al sistema contattare: CINECA (Consulenza tecnica Afam) n. tel: 051-6171966, fax: 051-2130213, e.mail: consulenza-afam@cineca.it.Per ulteriori chiarimenti sul merito della procedura, si prega di contattare l'ufficio scrivente ai numeri 06/5849 -3394/-2156.
Si ringrazia per la collaborazione
IL DIRETTORE GENERALEF.to Antonio Giunta La Spada
Allegati
nota informativa per compilazione Scarica